Days
Hours
Minutes
Seconds

Ci siamo!

Siamo lieti di darvi il benvenuto sul nostro sito. Qui potete trovare tutte le informazioni pratiche

necessarie per il vostro soggiorno nella nostra meravigliosa Puglia. Vi aspettiamo!

Dove e Quando

Cerimonia

ore 16:30

Cattedrale di Trani

Ricevimento

ore 20:00

Villa Carafa

La Cerimonia

Cattedrale di Trani

Cattedrale-di-Trani-1-aba897cd3e54c462c41c8e195d2e2b3e

Il Ricevimento

Villa Carafa

Villa-Carafa-Benvenuti-Esterno

Dove Alloggiare

Abbiamo prenotato per voi le seguenti strutture:

Hotel Regia link>>

B&B La Bella Trani link>>

Sigò link>>

Cosa visitare

Cattedrale di Trani


E’ la sede della celebrazione religiosa! La Cattedrale di Trani è intitolata al santo patrono, San Nicola Pellegrino, ed è senza dubbio la costruzione più prestigiosa della città pugliese.
Classico esempio di architettura romanica pugliese, la Cattedrale venne costruita immediatamente dopo la santificazione di San Nicola Pellegrino, durante la dominazione normanna. Per secoli la cripta (parte della resistente chiesa di Santa Maria, precedente chiesa principale) ha custodito insigni reliquie, ad esempio il corpo della martire orientaleSanta Febronia, di cui è possibile ancora oggi ammirare un pregevole reliquiario del XVIII secolo ed un dipinto ovale che la raffigurano, presso il Museo Diocesano.
La costruzione è stata realizzata usando il materiale di tufo calcareo tipico della zona: si tratta della pietra di Trani estratta dalle cave della città, caratterizzata da un colore roseo chiarissimo, quasi bianco.

cattedrale_trani

Monastero di Colonna


Santa_Maria_di_colonna_Trani

La chiesa di Santa Maria di Colonna, situata sulla penisoletta di Capo Colonna, è a poco più di un miglio dal centro della città, un tempo fuori dall’abitato urbano, ma adesso compresa al centro di una florida zona turistico-residenziale.
Fu fondata, insieme all’attiguo monastero benedettino, tra la fine del sec XI e l’inizio del XII, dal nobile tranese Goffredo Siniscalco.
La facciata principale si avvale di elementi decorativi tipici dell’architettura romanica: il rosone, un arco lavorato e sostenuto da agili colonnine, un architrave di finissima fattura (proveniente da un monumento pagano) e una serie di archetti pensili della cuspide.
Nella Chiesa si conserva il Crocifisso ligneo del XV secolo, oltraggiato dai corsari saraceni e un prezioso altare donato dal Gran Duca di Toscana, in cambio delle reliquie di Santo Stefano, che qui si veneravano fino al 1684.

Attualmente il monastero è utilizzato per iniziative culturali, concerti di musica Jazz e Classica all’interno dello splendido chiostro o nel cortile esterno.
Notevole è la veduta panoramica di cui si può fruire, salendo al piano superiore, dal quale è possibile osservare la costa antistante il lungomare, sino alla villa comunale con la cattedrale sullo sfondo.


Castello svevo


Il castello svevo di Trani è un castello edificato nella città di Trani nel 1233 sotto il regno di Federico II.
Nel castello soggiornò spesso il figlio di Federico, Manfredi, che il 2 giugno del 1259 vi sposò la seconda moglie, Elena Ducas.

castelloditrani-1000

Fortino


Fortino_di_Trani

All’estremità sinistra della villa comunale si accede all’antico fortilizio destinato alla protezione dell’estrema punta orientale del porto: il fortino è un’opera di fortificazione posta a protezione dell’ingresso del porto, sul molo di Sant’Antonio, che prende il nome da un edificio religioso del XII secolo,la chiesa di Sant’Antonio Abate, inglobata definitivamente nel 1541 all’interno della costruzione difensiva preesistente a seguito della fortificazione voluta dal Viceré Pietro de Toledo per esigenze difensive della rada del porto.
La chiesa e il fortino sono stati oggetto di restauro negli anni ’80
Dalla sommità del fortino è possibile ammirare tutta l’insenatura su cui si affaccia il borgo antico, distinguendo chiaramente la Cattedrale e le caratteristiche absidi della chiesa di Ognissanti. Questo punto panoramico è considerato dai suoi abitanti uno dei posti più belli e suggestivi della città.


La sinagoga Scolanova


Come quella di Sant’Anna, la chiesa di Santa Maria Scolanova (sec. XIII), è stata una delle quattro sinagoghe esistenti nel quartiere ebraico della città. Oggi vi si accede per mezzo di una scalinata esterna addossata alla facciata occidentale dell’edificio che è costruito tutto in pietra. All’interno fa bella mostra di sé un dipinto di chiara origine bizantina che raffigura la Madonna dei Martiri, protettrice dei marinai.
La facciata principale che si apre su via Scolanova, è monocuspidata e impressiona per la severa semplicità della sua struttura. Oggi santa Maria di Scolanova è ridiventata Sinagoga in cui la comunità ebraica tranese è tornata ad officiare il suo culto.

Scolanova_Synagogue

Il Porto di Trani


Il porto di Trani è indiscutibilmente tra i più belli di tutta la costa adriatica, piacevole da vedere, adatto a passeggiate, ed attrezzato per il turismo. La zona del porto è ricca di pizzerie, pub, ristoranti caratteristici, che richiamano turisti italiani e stranieri e giovani delle città limistrofe.
Il porto di Trani è una cornice spettacolare per le manifestazioni cittadine: ad esempio d’estate, per i festeggiamenti in onore di San Nicola Pellegrino, patrono della città, il porto diventa luogo di transito di processioni religiose, e sito ideale per ammirare i fuochi d’artificio.
Sulla scalinata di via Statuti Marittimi si trova una statua bronzea di San Nicola, voluta dal Cav. Vitantonio De Simone e donata alla città di Trani quale simbolo di fede e devozione al Santo Patrono.

porto_trani

E se avete tempo e voglia, vi consigliamo un giro ad Andria, nostra citta natale


Castel Del Monte


E’ il più famoso e misterioso tra i castelli fatti costruire da Federico II di Svevia, dichiarato patrimonio dell’Umanita e bene Unesco. Questo dista solo 18 km da Andria ed è visitato da milioni di turisti di tutto il mondo.

castel-del-monte-panorama

Cattedrale Di Andria


piazza-duomo-andria

Nel cuore del centro storico di Andria si erge la Cattedrale, impianto architettonico a tre navate dedicato a Santa Maria Assunta. L’edificio ha origini molto antiche, in quanto sembra risalire ai Normanni. Ha una mole massiccia che punta al cielo grazie ad una torre ottagonale sulla quale troneggia non la croce convenzionale,  ma un gallo in rame che segna la direzione del vento e al quale è legata una leggenda. L’animale doveva essere il simbolo di San Pietro (a cui anticamente l’edificio sacro era dedicato), e serviva ad indicare ai fedeli che lì si trovava la sua chiesa.
Sotto il presbiterio si trova una cripta di grande valore storico, nota anche come chiesa di San Pietro in onore dell’antica denominazione della cattedrale.


Viaggio

Chi ci conosce sa che viaggiare è la nostra passione. Pertanto abbiamo deciso di iniziare questo nostro percorso insieme con un bel viaggio… Giappone e Polinesia le nostre mete!



IBAN IT 27 L 06385 02401 100000015087
Grazie per la vostra partecipazione.
Lucia e Francesco




*
*La tua mail non sarà pubblicata.

  1. Lo Zio scrive:

    Posso venire insieme al viaggio di nozze? Per una strana coincidenza sono anche le mie mete preferite…

  2. la sposa scrive:

    ….che buongustaio!Baci zio

  3. Ilaria scrive:

    Soprattutto xchè adoro le mete che avete scelto contribuisco stra-volentieriiiii al vostro regalo. Parole d’ordine: relax, spasso divertimento e tanto tanto tanto…. snorkeling!!!!!ottima scelta.

  4. Giovanni e famiglia (Bologna) scrive:

    Meta stupenda !!!! Adoro il sushi !!! Tanta felicità per un passo così importante. Rispetto reciproco ed amore vi facciano sempre compagnia.

  5. anita e francesco(tambu) scrive:

    che posti meravigliosi!!!evviva la sposa montronella!muà

  6. Claudio Calvanese scrive:

    Auguroni Lucianina e Fra. Un forte abbraccio Cla&Ely. TopTopTop

  7. Damiano ADRIANI scrive:

    Dalle foto che abbiamo avuto il piacere di vedere si capisce che siete e sarete una bellissima coppia.
    Siamo certi che il giorno delle vostre nozze sarà l’inizio di una storia piena di amore che non avrà mai fine e che sicuramente darà i suoi frutti …. nel rispetto della tradizione delle vostre famiglie.
    Auguri sinceri
    Tonia e Damiano Adriani

  8. Leonardo Frazzoni scrive:

    Auguri Lucia!!! Un abbraccio da Bologna 🙂